Il sito utilizza cookie propri e di terze parti per fini statistici e per fornire ulteriori servizi. Proseguendo se ne accetta l'utilizzo.
E’ possibile modificare le opzioni di utilizzo anche tramite le impostazioni del browser. Maggiori informazioni.

testata_interne

Fondazione Cassa Rurale di Trento: premiati i progetti di tre giovani cervelli

Premiato l’impegno di tre giovani trentini grazie alle borse di studio (ognuna del valore di dodicimila euro) della Fondazione Cassa Rurale di Trento.

Valorizzare le giovani menti trentine in vari campi di studio con un aiuto concreto e significativo caratterizza la filosofia dei tre riconoscimenti - viene spiegato – Sono pensati e indirizzati a neolaureati intenzionati a proseguire gli studi in prestigiosi Istituti universitari o di ricerca, in Trentino, in Italia o all'estero. Fondamentale è possedere un progetto interessante e originale, già  attivo o in partenza, accettato da Istituti di alto livello”.

Le tre borse di studio sono state assegnate dal Consiglio di Amministrazione, su proposta del Comitato scientifico formato da Diego Schelfi, Diego Andreatta (direttore responsabile del settimanale Vita Trentina), Eleonora Stenico (avvocata e Consigliera di parità). La premiazione è in calendario

giovedì 22 dicembre alle ore 11.00
alla sala stampa del Comune di Trento - Palazzo Geremia in via Belenzani


Tre le aree tematiche.

Economico-giuridica: Klaudijo Klaser, 26 anni, laurea magistrale in finanza, con il progetto “Un'estensione intergenerazionale ed internazionale della teoria della giustizia di rawls: il principio di differenza universalizzato” presso “Centre for the study of social justice, Department of politics and international relations, University of Oxford”.

Tecnico-scientifica:  Enrico Pozzo, 24 anni, laurea magistrale in medicina e chirurgia, co n il progetto “Studio preclinico dell’exoterapia nel rabdomiosarcoma pediatrico” presso “Stem Cell Institute, KU Leuven, Belgium”.

Umanistico-artistica: Mattia Leveghi, 25 anni, laurea magistrale in scienze internazionali e diplomatiche, con il progetto “Master europeo congiunto in Azione umanitaria internazionale” presso “Noha Network on Humanitarian Action a Bochum e a Varsavia”.

Presenti alla premiazione: Rossana Gramegna, presidente della Fondazione Cassa Rurale di Trento, e Giorgio Fracalossi, presidente della Cassa Rurale di Trento. Attesi il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta, e Andrea Robol, assessore comunale alla Cultura. 
fondocentro